Come farti trovare dai tuoi potenziali clienti online

 

Come farti trovare dai tuoi potenziali clienti online

Intercettare potenziali clienti online è fondamentale per non essere superati dalla concorrenza e per non perdere ottime opportunità di guadagno. Ma cosa occorre fare? È possibile ottenere buoni risultati senza investire denaro?

Google

L’obiettivo di questa guida è quello di aiutarti a trovare nuovi clienti online, senza investire denaro in annunci pubblicitari. Se segui questi consigli, per i tuoi potenziali consumatori sarà più facile trovarti e tu potrai costruire una relazione con loro ed essere un punto di riferimento non appena sono alla ricerca del prodotto o del servizio che offri.

Perché creare un sito e un blog

Prima di spiegarti perché la tua azienda dovrebbe avere un sito e un blog, vediamo di capire qual è la differenza tra i due. Nonostante possano sembrare simili, un blog e un sito web sono in realtà due cose diverse. Semplificando molto: un blog viene aggiornato molto spesso con nuovi contenuti, quasi come un giornale, mentre un sito web di solito rimane sempre uguale nelle sue parti principali.

Per capire meglio, dai un’occhiata a questi esempi:

Queste differenze non ti impediscono, però, di creare un blog che sia parte integrante di un sito. In poche parole, che sia una sezione del tuo website.

Ma perché hai bisogno di un sito con blog? Quando apri un blog, puoi condividere la tua passione e competenza con il mondo. Questi contenuti diventano fondamentali per attirare nuovi clienti, aumentare le tue vendite e superare la concorrenza. Più contenuti interessanti scrivi, più è probabile che Google trovi il tuo sito e lo mostri a qualcuno che sta cercando esattamente quello che fai.

Ma come si fa a fare in modo che Google ti trovi e scelga di mostrare proprio il tuo sito e non quello di qualcun altro a chi effettua una ricerca? In gergo si dice che devi “ottimizzarlo”, ovvero devi seguire le regole della SEO.

ebook download

Cos’è la SEO e come sfruttarla per una PMI

Come dicevamo, per farti trovare da potenziali clienti online ti conviene aprire un sito con una sezione blog. Ma non basta, vogliamo che il sito si collochi in alto su Google e sugli altri motori di ricerca, così quando gli utenti cercano qualcosa correlato alla tua attività, ti trovano nei risultati. Altrimenti, sei solo un altro ago nel pagliaio.

Per aiutare le persone a trovarti, assicurati che il tuo sito web, il tuo blog e i tuoi contenuti siano “ottimizzati”: questa pratica si chiama “Search Engine Optimization” (tradotto, ottimizzazione per i motori di ricerca) o SEO in breve. La SEO rende più facile per i clienti trovare il tuo sito web online attraverso ricerche spontanee (con questa pratica, infatti, non vengono considerati i risultati di ricerca a pagamento), ed è la chiave per scalare le posizioni nei risultati di Google.

Vediamo come funziona.

Come vengono classificati i siti

I siti vengono classificati in base a molti fattori. I tre più importanti per fare SEO per le piccole imprese sono:

  1. il contenuto;
  2. i link;
  3. la struttura.

Approfittando di ciò, è possibile trasformare il tuo blog in un faro per i tuoi potenziali clienti online. Vediamoli un attimo nel dettaglio.

1)    Contenuto

Il contenuto del tuo sito è la migliore opportunità che hai per aiutare il tuo sito a salire di posizione nei risultati di Google. Un ottimo modo per generare contenuti è la pubblicazione su un blog: ogni volta che pubblichi, il tuo post viene registrato come una nuova pagina da classificare dai motori di ricerca. Google analizza ogni pagina del tuo sito Web per determinare di cosa si tratta. Cerca degli indizi per farlo, ma non è perfetto: puoi aiutarlo tu stesso, assicurandoti che i tuoi contenuti siano focalizzati sulle cosiddette “parole chiave” (ovvero quei termini che sono caratteristici del tuo ambito di lavoro) e, naturalmente, siano pertinenti, di buona qualità e regolarmente aggiornati.

2)   Link

Google analizza anche i link sul tuo sito. I link sono quei collegamenti che, se cliccati, ti portano su un’altra pagina web rispetto a quella in cui ti trovi. Solitamente appaiono come una scritta blu sottolineata, ma possono anche essere inseriti dentro a delle immagini.

I link più importanti sono quelli che da altri siti mandano al tuo. Più ce ne sono e più sono di qualità (ovvero arrivano da siti pertinenti con il tuo e di buona qualità), più Google ti premierà nella classifica dei risultati. Ma sono anche importanti quelli che tu inserisci nei tuoi contenuti e che puntano ad altri siti (anche in questo caso devono essere pertinenti) oppure ad altre pagine del tuo stesso sito.

3)   Struttura

Google analizza anche la struttura del tuo sito web: essenzialmente come è stato costruito e organizzato, un po’ come se studiasse il progetto di una casa.

Ad esempio, verrà calcolato quanto tempo ci vuole per caricare una pagina: più è breve, meglio è. Oppure controllerà se il tuo sito funziona bene anche su cellulare o tablet (fattore molto importante al giorno d’oggi).

Se hai già un sito, un modo semplice per ridurre il tempo di caricamento è limitare il numero e la dimensione delle immagini su ogni pagina.

Come creare i contenuti per il tuo blog

Il blog è una delle cose più importanti che puoi fare per la tua azienda. È un ottimo modo per condividere la tua esperienza e creare un seguito di fan fedeli, inoltre è uno dei modi migliori per migliorare la tua posizione sui motori di ricerca e farti trovare più facilmente da potenziali clienti.

Ricordati, però: avere un blog significa condividere la tua passione e il tuo lavoro, quindi scrivi cose relative alla tua attività che siano interessanti. Non devi per forza vendere attraverso il blog: concentrati sulle idee che sono rilevanti per il tuo settore e pensa a ciò di cui parlerebbero i tuoi lettori parlando con gli amici davanti a un caffè. Se i tuoi contenuti saranno abbastanza buoni, le vendite verranno di conseguenza.

Quindi, sentiti libero di andare oltre la tua attività e discutere più in generale del tuo ambito di lavoro. Ad esempio, se possiedi una pasticceria, potresti scrivere dei migliori tipi di cioccolato, delle tecniche per fare al meglio la crema pasticcera oppure postare semplici ricette che tutti possono fare a casa. Puoi anche parlare di salute e nutrizione e dell’importanza di utilizzare ingredienti freschi e del territorio.

Fondamentalmente, un blog non è un volantino di vendita. Quindi, anche se puoi menzionare le offerte che stai presentando questo mese, il tuo obiettivo dev’essere quello di attirare lettori, non di annoiarli. La vendita avverrà in un secondo momento (a questo proposito, leggi anche Come sfruttare il digital marketing per generare contatti e vendite)

Una volta scritto il tuo post, rendilo più attraente aggiungendo immagini e formattando il contenuto:

  1. Assicurati di utilizzare immagini e video nei tuoi post. Si tratta di un ottimo modo per catturare l’attenzione della gente e invogliarla a fare clic su un link. Inoltre, conosciamo tutti il vecchio detto: un’immagine vale più di 1.000 parole.
  2. Invece di scrivere grossi blocchi di testo, dividilo in paragrafi ed elenchi per rendere il contenuto più facile da leggere.
  3. Inserisci titoli per ogni paragrafo (come abbiamo fatto in questo articolo): i titoletti aiutano le persone a scansionare il tuo articolo e a concentrarsi su ciò che vogliono imparare. Aiuta anche i motori di ricerca a capire di cosa parli e a navigare nel tuo sito.
  4. Metti in grassetto frasi e parole importanti. Ciò aiuta sia il lettore che Google a capire più chiaramente quali sono i concetti chiave di quello che stai scrivendo. Non sei sicuro di cosa grassettare? Dai un’occhiata a ciò che abbiamo messo in evidenza in questo post e prendilo ad esempio.

Per concludere, un sito web e un blog ottimizzati sono fondamentali per farti trovare più facilmente da potenziali clienti online e far crescere la tua attività, anche se si tratta di una piccola impresa attiva solo a livello locale (leggi anche: Local SEO: come comparire nelle mappe di Google). Puoi scegliere di dedicare molte ore e pazienza a preparare i piani editoriali e scrivere gli articoli oppure di rivolgerti ad agenzie specializzate proprio nella creazione di siti e nella SEO per piccole e medie imprese.

ebook download